Menu

SONO GASSMANN! VITTORIO RE DELLA COMMEDIA di Fabrizio Corallo 95’

Visite totali 1181 , 8 oggi

Data inizio:01/09/2022
Data fine:01/09/2022
Ore: 19:00

Claim Ownership

Categoria evento: Eventi e Proiezioni. Sezione: ITALIADOC 2019.

Descrizione

SONO GASSMANN! VITTORIO RE DELLA COMMEDIA
di Fabrizio Corallo
Italia, 2028, 95’

Vittorio Gassman, nasceva il 1º settembre 1922

Il film verrà introdotto da Fabrizio Corallo alla presenza di familiari e colleghi.

“Sono Gassman! Vittorio re della commedia”, è un docufilm scritto e diretto da Fabrizio Corallo che rievoca l’intenso percorso artistico e umano di Vittorio Gassman, il grande attore e regista nato il primo settembre del 1922 e scomparso a giugno del 2000. La luminosa carriera e l’intensa esistenza di uno dei più rappresentativi e autorevoli attori di tutti i tempi viene ricostruita nel documentario vincitore di un Nastro d’Argento e del Premio Flaiano attraverso interviste a familiari, colleghi e amici, brani di film (con particolare riferimento agli anni d’oro della cosiddetta “commedia all’italiana”),  spettacoli teatrali e filmati tratti dagli archivi di Teche Rai, Luce Cinecittà e Mediaset. Tra le tante preziose testimonianze da segnalare quelle dei quattro figli  di Gassman (Alessandro, Paola, Vittoria e Jacopo) e di Emanuele Salce, cresciuto con sua madre Diletta e con Vittorio e da lui considerato un figlio a tutti gli effetti.  Accanto ai filmati d’epoca in cui Gassman si racconta in prima persona e viene rievocato da Dino Risi, Mario Monicelli ed Ettore Scola – i tre maestri della commedia a lui più cari – altrettanto decisivi sono i contributi inediti offerti da compagni di lavoro come Stefania Sandrelli, Gigi Proietti, Jean-Louis Trintignant, Giancarlo Giannini e Giovanna Ralli; da esponenti di punta della commedia italiana più recente come Carlo Verdone, Paolo Virzì, Paola Cortellesi, Diego Abatantuono e Massimo Ghini, da registi figli d’arte come Marco Risi e Ricky Tognazzi, nonché da attenti osservatori del costume nazionale come Renzo Arbore, Valerio Caprara e Maurizio Costanzo.

Note di regia di Fabrizio Corallo:
Sarebbe stato impossibile raccontare in dettaglio tutto quello che un artista indimenticabile come Vittorio Gassman ha lasciato sulla sua scia nel suo formidabile percorso nel teatro, nel cinema e nella letteratura lungo quasi 60 anni e la miniera di sapere e di luccicante energia di cui è stato “portatore sano”. Quando i produttori Adriano De Micheli e Massimo Vigliar mi hanno chiesto di realizzare un suo ritratto filmato consapevoli del mio privilegio di avere seguito da vicino il suo lavoro e di avere frequentato a lungo insieme alla sua famiglia una persona così speciale sono stato lusingato ma anche subito consapevole di dover provare a raccontarlo non solo con la sconfinata ammirazione di spettatore incantato ma anche cercando senza eccessive enfasi e seriosità la misura e il disincanto che lui avrebbe desiderato. Ho tentato così di privilegiare tra le tante ipotesi di racconto soprattutto quella di una doppia metamorfosi di cui Gassman è stato protagonista nel tempo. La prima è quella che a partire dal film di Mario Monicelli “I soliti ignoti” (1958) lo ha trasformato da acclamato protagonista della scena teatrale del secondo dopoguerra – e di film drammatici da lui giudicati quasi sempre “dimenticabili” – in uno dei più amati interpreti brillanti della straordinaria stagione della “commedia all’italiana” nata alla fine degli anni ’50.  La seconda è stata quella che lo ha portato a rivelare col tempo, soprattutto nei suoi ultimi anni di vita, la sua vera natura di persona introversa e ipersensibile, spesso preda di impensabili vulnerabilità. Il tentativo è stato così quello di far emergere non solo la proverbiale e multiforme vitalità artistica di Vittorio ma anche gli aspetti inaspettati della sua personalità di uomo timido e fragile e di mostrarlo non solo come un vitalissimo ed esplosivo “mattatore” sulle scene e nella vita ma anche come un uomo mite, toccato da una grazia speciale e, come ha detto una volta l’editore di una sua raccolta di poesie, Luca Sossella, “abitato da un angelo che aveva in odio la volgarità”.