Menu

Nata pa hënë – Notte senza luna

Visite totali 197 , 1 oggi

Data inizio:02/07/2021
Data fine:02/07/2021
Ore: 22:15

Claim Ownership

Categoria evento: Lingua originale e Proiezioni. Sezione: Albania si gira 3!.

Descrizione

Nata pa hënë – Notte senza luna Regia: Artan Minarolli

Anno: 2003

Durata: 1h 20m

Produzione: Albania, Francia

Genere: drammatico

Lingua: albanese con sottotitoli in italiano

Sinossi: Le storie di alcuni giovani che vogliono lasciare l’Albania in periodi storici diversi sono legate da un filo comune.

Revisione: Quest’opera affronta la questione della violenza di regime e i suoi effetti nel periodo di transizione. Durante il comunismo l’efferatezza delle istituzioni era giustificata dall’ideologia, ma in verità era anche l’espressione di un sadismo sfrenato che, come emerge nel film, è radicato nella struttura patriarcale della società. Nel periodo di transizione, tale violenza trovò sfogo in modo spesso indiscriminato ed era veicolata dai traumi, dalla povertà e dalle armi che il regime lasciò in eredità agli albanesi. Il lavoro di Minarolli è significativo anche per le trasformazioni stilistiche del cinema albanese. L’utilizzo di una colonna sonora “etnica” senza una vera e propria collocazione spazio-temporale, la predilezione degli ambienti rurali, la sovente folklorizzazione delle relazioni sociali e la rappresentazione ironica della violenza, situano questo film in uno stile “balxploitation” che fiorì tra gli anni Novanta e Duemila. È bene tuttavia notare che, a differenza dello sguardo di altri registi, quest’opera non offre facili vie d’uscita ai personaggi. Ogni Stato deve fare i conti con il patriarcato, le dittature e le ingiustizie del passato e del presente. Fuggendo in altri Paesi, gli albanesi diventano oggetto di sfruttamento, di emarginazione, e di violenza da parte delle istituzioni e dei singoli. Il finale incerto sembra indicare l’impossibilità della fuga, che non consiste nel sottrarsi a un territorio, ma nella utopistica ambizione di raggiungere un altrove.

Vai alla rassegna