Menu

La terza strada della piccola borghesia / L’amore a tre di Abram Room

Visite totali 247 , 1 oggi

Data inizio:16/11/2017
Data fine:16/11/2017
Ore: 18:00

Claim Ownership

Categoria evento: Proiezioni. Sezione: A 100 anni dalla rivoluzione d'ottobre e Sala Deluxe.

Descrizione

La terza strada della piccola borghesia / L’amore a tre di Abram Room
URSS, 1927, 76′

Il film affronta il problema della condizione femminile e della libertà sessuale attraverso una “commedia di costume” acuta e pungente, e fu criticato dalla stampa sovietica e accusato di tendenze anarchiche e piccolo-borghesi nella trattazione della questione sessuale. Un uomo e una donna, marito e moglie, vivono in una stanza di una casa di Mosca: lui, un impiegato, è un uomo giovane ma abitudinario, che nella moglie vede qualcosa di stabile ma niente di più che un oggetto, e forse qualcosa di meno del gatto con cui scherza nei momenti di tempo libero. La donna ne è consapevole, e subisce passivamente, anche se cresce in lei la stanchezza per il succedersi immutato e noioso delle faccende domestiche che deve sbrigare tutti i giorni. Il marito conosce un tipografo, venuto a lavorare a Mosca e in cerca di un alloggio, e gli offre di andare ad abitare nella loro stanza, dove potrà dormire sul divano. Così ora, in quella stanza, sono in quattro: due uomini, una donna e il gatto. La donna si irrita per questa decisione del marito, presa senza consultarla, anche se il nuovo venuto si presta ad aiutarla nelle faccende domestiche. Ma quando il marito torna da un viaggio di lavoro, si rende conto che tra sua moglie e il tipografo “è avvenuto l’irreparabile”: allora decide di andarsene, lasciandoli insieme, e di cercare un’altra abitazione. Ma la ricerca risulta vana, e così torna a casa, in quell’unica stanza, dove adesso è lui a dormire sul divano. Quando però la moglie si accorge di essere incinta, e non sa quale dei due uomini sia il padre, prima pensa di abortire, poi cambia idea e abbandona ambedue gli uomini, lasciandoli senza una donna che “lavi e cucini per loro”.

Bookmark and Share
Vai alla rassegna