Menu

La fabbrica, di L. De Seriis e A. Lauriello / Battipaglia, autoanalisi di una rivolta, di L. Perelli

Visite totali 205 , 1 oggi

Data inizio:05/11/2019
Data fine:05/11/2019
Ore: 15:30

Claim Ownership

Categoria evento: Proiezioni. Sezione: Il progetto e le forme di un cinema politico: LE LOTTE E L’UTOPIA 1969/1970 e Sala Kodak.

Descrizione

Presenta Piero Di Siena
La fabbrica
, di Lino De Seriis e Alberto Lauriello, Italia, 1970, 76’
Ricostruzione delle lotte operaie alla Fiat durante l’autunno caldo e delle strategie aziendali e politiche dell’industria automobilistica torinese dalla sua fondazione alla fine degli anni Sessanta del Novecento. Oltre a un ricco apparato di materiali di repertorio, il film mostra, con immagini spesso inedite, i giorni cruciali delle lotte torinesi: le violente discussioni davanti ai cancelli della fabbrica fra operai, sindacalisti e militanti di Lotta continua, gli scioperi e le manifestazioni; gli scontri fra di corso Traiano e nelle facoltà di Architettura, le condizioni di lavoro, il comizio di Bruno Trentin a piazza Statuto

Battipaglia, autoanalisi di una rivolta, di Luigi Perelli, Italia, 1979, 24’
Alla presenza del regista
Riuniti nella locale Camera del Lavoro, i cittadini di Battipaglia (Sa) assistono alla proiezione del Cinegiornale n° 5, “Battipaglia”, dedicato ai fatti che, un anno prima, avevano portato alla morte di Teresa Ricciardi e Carmine Citro, uccisi dalla polizia mentre lottavano per il diritto al lavoro. Vengono riproposti ampi branidi quell’inchiesta, con inserti sui volti commossi e partecipi degli spettatori. Il dibattito che segue è un bilancio collettivo di quella vicenda, in cui chi non ha voce né spazio nell’informazione ufficiale può, almeno in questa occasione, affermare il proprio punto di vista. A distanza di un anno, non si è trovato nessun colpevole per la morte dei due giovani di Battipaglia, e i cittadini chiedono giustizia. Nulla è cambiato nei problemi che affliggono questa terra (la disoccupazione, le condizioni di vita, l’emigrazione), per cui l’unica risposta possibile è quella di ricominciare a lottare.

 

 

 

 

Vai alla rassegna