Menu

Italiani nel mondo, 12′ I La fine dell’innocenza di Massimo Dallamano (1976, 85’), VM 18

Visite totali 250 , 1 oggi

Data inizio:23/10/2017
Data fine:23/10/2017
Ore: 17:00

Claim Ownership

Categoria evento: Proiezioni. Sezione: Il cinema di Massimo Dallamano.

Descrizione

L’EROTICO/ESOTICO

Italiani nel mondo di Massimo Dallamano (1965, 12’)
Il documentario mostra la presenza degli italiani nelle varie zone del mondo al seguito dell’industria estrattiva: si parte dalla piattaforma al largo di Ravenna, a quella nel Golfo Persico, ai monti Zagros, per poi passare in Egitto, in Nigeria, in Tunisia ed infine nel Sahara.

a seguire La fine dell’innocenza di Massimo Dallamano (1976, 85’)
«Uno di quei cultoni anni ’70 mischione di erotismo alla Emmanuelle e di pratiche buddiste. Annie Brilland, in arte Belle, francesina di scarse esperienze (aveva girato solo Lèvre de sang di Jean Rollin, prima), allora veramente bellissima, è la protagonista col suo nome, al punto che il titolo della canzone (cultissima) del film è appunto “Annie Belle”, Dammico-Bixio-Frizzi-Tempera, cantata da certa Linda Lee. A suo fianco troviamo il futuro produttore Ciro Ippolito nel ruolo di un finto padre sporcaccione che la travia e la porta a Hong Kong come carne fresca (Ippolito prese il posto di un protagonista più famoso che venne liquidato dal set), e il bellone Al Cliver, ancora non fidanzato con l’attrice. Tutti o quasi sono cattivi e perversi e cercano di traviare l’orfanella Annie […]. La salverà Ines Pellegrini, che la porterà con sé in una comunità buddista all’italiana» (Giusti).

Bookmark and Share
Vai alla rassegna