Menu

Il Consolo, di Orsola severini (pres. libro)

Visite totali 188 , 1 oggi

Data inizio:11/11/2021
Data fine:11/11/2021
Ore: 18:00

Claim Ownership

Categoria evento: Libri.

Descrizione

Orsola Severini
Il consolo
Fandango Libri

“Questo bambino non è mai nato ma non è come se non fosse mai esistito”

“Orsola Severini ha scritto un romanzo così unico e potente che si fatica a credere sia il primo. Nelle sue mani una storia di vita diventa ‘la’ storia, capace di parlare a tutte e a tutti, di coinvolgere, di commuovere, e di turbare.”
Ivan Cotroneo

Orsola ha trentaquattro anni, due figli piccoli, una bella casa ai Parioli, un lavoro part-time per stare dietro alla famiglia, un grosso cane e una vita apparentemente perfetta. Nonostante abbia ricevuto un’educazione femminista, la sua realizzazione maggiore è essere madre, lo ha sognato sin da quando era bambina e le sono piaciute talmente tanto le sue due gravidanze precedenti da aver convinto il marito a lanciarsi in una terza. Solo che, alla prima ecografia dopo le fatidiche dodici settimane, qualcosa si spezza:
la traslucenza nucale del feto mette in rilievo una forte anomalia, tanto grave a dare come possibili esiti un aborto spontaneo nei mesi successivi o una morte dopo la nascita. Quello di Orsola, se mai dovesse nascere, non sarà mai un bambino con una vita normale. Da questo momento per lei e il marito Marco inizia il calvario di chi in Italia sia costretto o voglia abortire, tra obiettori di coscienza, strutture inadatte, la mancanza totale di supporto e informazioni. In un paese in cui abortire è ancora una colpa che neanche il privilegio può lavare, Orsola affronta il lutto della propria imminente perdita ricordando il padre,
scomparso da poco, medico calabrese comunista eccentrico e solidale, la cui mancanza nelle dolorose settimane di avvicinamento all’aborto è ancora più evidente. Il consolo – ovvero l’offerta di cibo alla famiglia del defunto – è qui sia quello della famiglia calabrese dopo il funerale del padre, sia quello di chi attraverso la scrittura cerca di rimettere insieme i pezzi di una vita che si è smontata dopo quel tragico evento. Una storia vera, una denuncia potentissima a sanità e società italiana, che condannano le donne a rimanere sole di fronte a una scelta, comunque, dolorosa e irreversibile.