Menu

CARNEVALE DI VIAREGGIO E CINEMA

Visite totali 689 , 2 oggi

Data inizio:22/01/2022
Data fine:13/02/2022
Ore: 10:00 to 20:00

Claim Ownership

Categoria evento: Mostre.

Descrizione

In mostra suggestive gigantografie di alcune delle costruzioni allegoriche che hanno raccontato grandi film e straordinari personaggi tra il 1928 e il 2021.

Una mostra fotografica con i più bei carri dello storico Carnevale di Viareggio e una rassegna di 4 film ispirata al Carnevale e alla sua splendida città.

La prima cinepresa raffigurata in cartapesta risale al 1928. Ad azionarla un grande mascherone di Re Carnevale intento a inquadrare il pubblico di Viareggio. Quel carro allegorico, dedicato al mondo della celluloide, è stato la scintilla del lungo rapporto tra il cinema e il Carnevale di Viareggio. Si contano più di ottanta opere allegoriche, tra carri, mascherate in gruppo e maschere singole, che gli artisti viareggini hanno dedicato al mondo del cinema, reinterpretando con la propria fantasia e creatività scene e personaggi cult della produzione cinematografica mondiale.
La mostra “Carnevale di Viareggio & cinema”, inaugurazione 26 gennaio ore 11,30) al 13  è un racconto tematico attraverso una selezione di costruzioni, che hanno sfilato sui Viali a Mare di Viareggio tra il 1928 e il 2021.

Un suggestivo percorso tra gigantografie di carri carnevaleschi dedicati al mondo del cinema e ai suoi personaggi. In mostra anche inedite immagini, ricavate dalla digitalizzazione con i colori originali di pellicole e diapositive conservate presso l’Archivio Storico della Cittadella del Carnevale di Viareggio. Dettagli di arte e creatività che a Viareggio sono alla base del Carnevale, che nel 2023 celebrerà i suoi primi 150 anni. Charlie Chaplin è stato ritratto nel 1929 sul carro allegorico di Michele Pescaglini. Al genio del cinema si sono poi ispirati Beppe Domenici e Arnaldo Galli con il loro “Tempi moderni” del 1953 e la famiglia Lebigre e Roger, che, nel 2021, in “Democrisia”, ha riletto la celebre scena in cui a Charlot non resta che cucinarsi una scarpa. Dagli anni Trenta anche Topolino è stato ritratto in cartapesta, in più occasioni. Nel 1935 la celebre coppia Stanlio e Ollio è stata protagonista del carro “La brigata del buonumore” di Carlo Francesconi. Biancaneve e i sette nani della Disney ispirarono Guido Lippi per il suo carro del 1939, che partecipò ai Corsi Mascherati gareggiando con un altro personaggio cinematografico, Tarzan, scelto da Carlo e Francesco Francesconi come soggetto della loro costruzione.
Negli anni Cinquanta il Carnevale di Viareggio ha omaggiato Sophia Loren, Gina Lollobrigida, Ava Gardner, Rita Hayworth e si è ispirato ai film western e al fantasy, con King Kong protagonista. E come al cinema anche il Carnevale ha proposto remake del grande scimmione con nuovi significati allegorici.
Pellicole d’autore sono state per i maestri del Carnevale lo spunto per sbeffeggiare i potenti del Palazzo e raccontare la fine della vecchia classe politica.
Fantascienza, satira, temi ambientali e sociali, i nuovi media, hanno suggerito creazioni per il Carnevale attraverso la rilettura in chiave allegorica di classici del cinema.
Di grande stima e affetto il rapporto con il maestro Federico Fellini, che è ricorso spesso alla creatività dei costruttori viareggini per realizzare celebri scene dei suoi film. Più volte gli artisti del Carnevale lo hanno omaggiato nelle loro costruzioni. E se il cinema e i suoi protagonisti hanno stimolato la fantasia degli artisti del Carnevale di Viareggio, il significato della maschera e il fascino di questa festa universale hanno ispirato molti grandi registi che nelle proprie pellicole hanno rappresentato il Carnevale.