Menu

Biopic Fest: Cortometraggi

Visite totali 145 , 7 oggi

Data inizio:24/09/2022
Data fine:24/09/2022
Ore: 20:00

Claim Ownership

Categoria evento: Proiezioni. Sezione: Biopic Fest 2022.

Descrizione

CORTOMETRAGGI
Argento vivo, Giantommaso Puglisi (Italia, 2022, 13′)
Anteprima: anteprima laziale

Tag-line: Alfredo affronta la sofferenza della moglie malata costruendo un dispositivo che gli permette di rivivere in prima persona alcuni ricordi impressi su vecchie pellicole Super8.

Per affrontare la sofferenza nel vedere la moglie a letto malata, Alfredo, un uomo di una settantina di anni, costruirà un dispositivo che gli permetterà di rivivere in prima persona alcuni ricordi impressi su delle vecchie pellicole Super 8. La voglia di vedere nuovamente Serena così piena di quell’energia che lo aveva travolto quando si erano conosciuti e che lo aveva fatto innamorare di lei è forte, così come il bisogno di riprendere fiato dal dolore che lo schiaccia a terra ogni volta che si prende cura di lei ora che non sembra più la stessa. La volontà di scacciare via la sofferenza lo farà cadere schiavo del dispositivo, allontanandosi sempre di più dalla realtà e da Serena, in un vortice ripetitivo di giornate trascorse nel caldo abbraccio del passato. Il legame e l’amore che lo lega a sua moglie riuscirà però a spezzare questo morboso ciclo ed a ricordare ad Alfredo che la sua Serena è sempre lì accanto a lui.

***
Zenerù, Daniele Grasselli (Italia, 2021, 30′)
Anteprima: anteprima laziale

Tag-line: Storia della relazione poetica tra l’antico rituale de La Scasada del Zenerù di Ardesio e la vita dell’eremita Flaminio Beretta.

La figura di Flaminio Beretta, pastore resistente, è difficilmente collocabile nello spazio e nel tempo. Veste solo di pelli e lana, che lui stesso produce e confeziona. All’apparenza sembra provenire dal passato, e al tempo stesso, nei gesti e negli strumenti autoprodotti, pare viva in un futuro distopico. Il film si vuole quindi inserire in questo scarto indecifrabile delle due temporalità.

***
Lupo + Agnello, Giuseppe Schettino (Italia, 2022, 15′)
Anteprima: anteprima laziale

Tag-line: Maschere antiche, feste religiose e riti arcaici si incroceranno in questo piccolo racconto sull’umano sentire e sulla polifonia delle voci che ci abitano.

Il fatto che le persone non imparino molto dalla storia è la lezione più importante che la storia ci insegna. Oggi, infatti, stiamo ancora cercando di ricordare e combattere una lezione che Esopo spiegò bene nella favola del Lupo e dell’Agnello: i prepotenti calpestano i deboli con falsi pretesti. Chi è dalla parte del giusto talvolta non può nulla contro chi è più forte. Liberamente ispirata dall’immortale ed omonima favola di Esopo, questa è la storia di Luca e Tommaso, due ragazzi al primo anno di università che entrano in conflitto per via del loro carattere e della differenza di estrazione sociale dalla quale provengono. Questa diversità vedrà al centro del loro interesse Elisa, una ragazza che frequenta come loro il corso di antropologia tenuto da un misterioso professore. Maschere, riti religiosi pagani e una festa condurranno i nostri protagonisti verso un finale inaspettato.

***
Incontro con Federico Fellini, Giuseppe Alessio Nuzzo (Italia, 2022, 8′)
Anteprima: Anteprima laziale

Tag-line: Un’immersione esperienziale nell’arte del grande Federico Fellini. Un incredibile incontro con il maestro attraverso animazioni e scatti di grandi fotografi.

Avvolto nella sua iconica sciarpa rossa si aggira nei corridoi di una mostra a lui dedicatagli. Un’immersione esperienziale nell’arte del grande regista Premio Oscar, un incredibile incontro con il maestro Federico Fellini attraverso animazioni e 39 scatti di grandi fotografi conservati nell’Archivio fotografico della Cineteca Nazionale del Centro Sperimentale di Cinematografia con il commento critico del giornalista e docente universitario Valerio Caprara.

***

Lo spioncino, Tiziana Martini  (Italia, 2021, 6′)
Anteprima: anteprima laziale

Tag-line: Tre personaggi, due punti di vista, una storia di violenza.

Gli occhi di due donne, trincerati dietro lo spioncino dei loro portoni che affacciano sullo stesso pianerottolo, vedono consumarsi il dramma di un uomo ubriaco, chiuso fuori di casa da sua moglie: una delle due donne. Il silenzio della notte è rotto dal dolore che si mescola alla paura, all’angoscia, alla rabbia, all’amore. Ma cosa accade quando una delle due porte si apre?

Vai alla rassegna