Menu

“Voci lontane, così vicine”, il primo webtv-show bilingue partecipato dal pubblico.

“Voci lontane, così vicine”, il primo webtv-show bilingue partecipato dal pubblico.

I protagonisti del documentario italiano in onda in streaming in “Voci lontane, così vicine”, il primo webtv-show bilingue partecipato dal pubblico.
Volete partecipare ad un incontro dove ospiti illustri che vanno da Davide Ferrario, Gabriele Salvatores, Paolo Conte, Gianfranco Pannone, Gianfranco Rosi, Caterina D’Amico e molti altri raccontano le storie che hanno portato alla realizzazione di importanti documentari italiani? Volete interagire con loro, ponendo domande in video e salire con loro sul palcoscenico come se foste il pubblico dello studio di un programma televisivo? Da oggi si può nel neonato programma live streaming “Voci lontane, così vicine – A light on the corner of my mind” che, oltre ad andare in “onda” su Facebook con audio italiano ed in inglese per accontentare l’audience internazionale, ha uno studio aperto ad un pubblico VIP di 100 spettatori selezionati che potranno accedere al webinar direttamente attraverso un link.

Questo studio/teatro realizzato da #iorestoacasaproduction e diretto da Daniele Cametti Aspri e Luca Marino viene utilizzato per riprendere la trasmissione con un sofisticato programma di regia che alterna gli ospiti alle immagini di copertura, le grafiche ed i servizi, mandandoli in streaming come una trasmissione televisiva.

Il programma nasce per sostenere una maggiore diffusione e conoscenza dei documentari “made in Italy” nei Paesi Bassi.

L’iniziativa, online, prevede la presentazione di 16 documentari, che delineano un profilo dell’Italia contemporanea e l’evoluzione socio culturale del nostro Paese.

Il progetto, che ha come partner L’IIC di Amsterdam, Rai Cinema, l’Associazione Documentaristi Italiani e Casa del Cinema, sarà presentato in diretta dai registi e da altri ospiti coordinati da Carlo Gentile, critico cinematografico (Sncci – Rai Cinema), accolti dalla Direttrice dell’Istituto Carmela Callea.

Al termine di ogni incontro il documentario protagonista della puntata sarà disponibile su una piattaforma geolocalizzata per il solo Regno dei Paesi Bassi.

Le dirette, Il calendario degli incontri ed i link per accedere allo studio del webtv-show li potrete trovare sulla pagina Facebook dell’Istituto Italiano di Cultura di Amsterdam al seguente indirizzo

https://www.facebook.com/IICAmsterdam

Questi i prossimi due eventi

Martedì 15 dicembre 2020

LA ZUPPA DEL DEMONIO di Davide Ferrario Italia, 2014 Durata: 75 min

“La zuppa del demonio è il termine usato da Dino Buzzati nel commento a un documentario industriale del 1964, Il pianeta acciaio, per descrivere le lavorazioni nell’altoforno. Cinquant’anni dopo, quella definizione è una formidabile immagine per descrivere l’ambigua natura dell’utopia del progresso che ha accompagnato tutto il secolo scorso. E’ questo il tema del film: l’idea positiva che per gran parte del Novecento (almeno fino alla crisi petrolifera del 1973-74) ha accompagnato lo sviluppo industriale e tecnologico. Perché è facile oggi inorridire davanti alle immagini (proprio de Il pianeta acciaio) che mostrano le ruspe fare piazza pulita degli olivi centenari per costruire il tubificio di Taranto che oggi porta il brand dell’ILVA: eppure per lungo tempo l’idea che la tecnica, il progresso, l’industrializzazione avrebbero reso il mondo migliore ha accompagnato soprattutto la mia generazione, quella nata durante il miracolo economico italiano.”

Per partecipare al Webtv-show

https://bit.ly/3747Z91

 

Informazioni

Data: Mar 15 Dic 2020

Orario: Alle 18:00

Organizzato da : Istituto Italiano di Cultura per i Paesi Bassi

In collaborazione con : Rai Cinema, l’Associazione Documentaristi Italiani e la Casa del Cinema di Roma

Ingresso : Libero

Mercoledì 16 dicembre 2020

REGISTRO DI CLASSE – LIBRO PRIMO 1900-1960 e LIBRO SECONDO 1968 – 2000 Italia, 2015

I registri di classe servono a segnare le assenze e i voti degli alunni. Ma non tutti gli alunni sono uguali, non a tutti sono date le stesse possibilità. In questo viaggio lungo più di un secolo, insegnanti, bambini, genitori di ogni parte d’Italia raccontano la storia della scuola dell’obbligo, vissuta in prima persona tra grandi aspettative e delusioni spesso profonde.

Regia di Gianni Amelio e di Cecilia Pagliarani

Informazioni

Data: Mer 16 Dic 20&

Archivio news

Comments are closed.