Menu

POLVERE DI STELLE, Alberto Sordi, 1973, 152′

Visite totali 373 , 1 oggi

Data inizio:13/07/2020
Data fine:13/07/2020
Ore: 21:30

Claim Ownership

Categoria evento: Proiezioni. Sezione: I mille volti di Alberto Sordi.

Descrizione

I mille volti di Alberto Sordi
POLVERE DI STELLE, Alberto Sordi, 1973, 152′
«Le riprese di Polvere di stelle cominciano nel maggio 1973. La protagonista femminile è Monica Vitti, entusiasta di tornare a immergersi nel mitico mondo dell’avanspettacolo dopo l’esperienza di Ninì Tirabusciò, la donna che inventò la mossa e felicissima di lavorare nuovamente con Sordi. La nascita della coppia artistica era avvenuta in Amore mio aiutami ed era stata subito rilanciata da De Sica in Il leone, dimenticabilissimo episodio da Le coppie dove però Monica e Alberto mostrano evidentemente di divertirsi. Polvere di stelle consacrerà il nuovo duo; per questa prova la Vitti otterrà un David di Donatello. […] Se Fumo di Londra rimane la migliore regia di Sordi, Polvere di stelle è l’opera a cui ha voluto più bene, per la quale si è maggiormente impegnato, e che per questo è superiore. In questo caso dimostra di avere ragione lui, ciò che sostiene il film è la sua adesione alla materia, un affetto autentico che fa passare molti difetti in secondo piano: la regia è davvero l’ultima cosa. […]  Nel 2019, tredici anni dopo la scomparsa di Sordi, la Cineteca Nazionale riprende in mano i materiali originali, ne trova altri e procede a un restauro con l’obiettivo di ricostruire l’edizione integrale del film. Realizzato presso lo Studio Emme di Roma, il lavoro viene curato da Giuseppe Lanci per la parte fotografica e da Federico Savina per il suono. Il negativo originale viene integrato con immagini tratte da un interpositivo per circa 80 metri; più complesso il lavoro sulla colonna sonora, per la quale viene utilizzata la copia di legge conservata presso la Cineteca Nazionale, alcuni positivi della Fondazione Museo Alberto Sordi, e una copia della versione lunga conservata in Rai, andata in onda il 27 ottobre 1981 sulla Rete2, in modo da integrare alcuni frammenti trovati senza sonoro» (Anile).

Vai alla rassegna