Menu

LO SCEICCO BIANCO, Federico Fellini, 1952, 85’ / a seguire “Lo sceicco ritrovato” (documentario)

Visite totali 622 , 1 oggi

Data inizio:06/07/2020
Data fine:06/07/2020
Ore: 21:30

Claim Ownership

Categoria evento: Proiezioni. Sezione: I mille volti di Alberto Sordi.

Descrizione

I mille volti di Alberto Sordi
LO SCEICCO BIANCO, Federico Fellini, 1952, 152’
Due sposini in viaggio di nozze dalla provincia alla capitale romana. L’apparizione sull’altalena del bianco sceicco Alberto Sordi, divo divino solo sulla carta dei fotoromanzi. E dunque le illusioni del mondo dello spettacolo. Le benevole prostitute della capitale, tra cui la Cabiria di Giulietta Masina. C’è già tutto il mondo felliniano in questo primo film firmato unicamente dal regista riminese (Luci del varietà è codiretto con Lattuada). «L’originalità dell’espressione trova la sua concretezza in una inquietudine senza sfogo, che si riflette e si manifesta nella cattiveria con cui la macchina da presa si muove, ora per fissare impietosamente, ora per sollecitare in tono di satira, gesti fatti e azioni dei protagonisti piccolo-borghesi alle prese con la realizzazione dei loro sogni provinciali. Una piccola borghesia vista come rinuncia alla autenticità, come desiderio di inseguire con commovente impegno una folla di miti usuali e flaccidi: dalla fanfara dei bersaglieri al mondo dei fotoromanzi; dalla passeggiata in carrozza per le vie di Roma al suicidio per onore, alla sospirata udienza [papale]» (Del Fra).
a seguire
LO SCEICCO RITROVATO – TAGLI, DOPPIE VERSIONI E SEQUENZE INEDITE DI LO SCEICCO BIANCO, di Fulvio Baglivi, Stefano Landini, Moraldo Rossi, 2008, 40’
Quaranta minuti di sequenze tagliate e varianti inedite del primo film interamente diretto da Fellini. Fra le sorprese di questo ritrovamento della Cineteca Nazionale, la visione di due donne velate e in costume orientale, scoperte dallo sguardo trasognato della sposina Wanda, che sembrano anticipare Giulietta degli spiriti. Il buffo moralismo dello sposo novello Ivan acquista un controcanto più satirico nella sequenza del suo risveglio nel letto della prosperosa prostituta con cui si è accompagnato durante la notte in cui è rimasto solo.

Vai alla rassegna