Menu

Le silence de Lorna – Il matrimonio di Lorna

Visite totali 235 , 1 oggi

Data inizio:04/07/2021
Data fine:04/07/2021
Ore: 16:00

Claim Ownership

Categoria evento: Lingua originale e Proiezioni. Sezione: Albania si gira 3!.

Descrizione

Le silence de Lorna – Il matrimonio di Lorna

Regia: Jean – Pierre Dardenne e Luc Dardenne

Anno: 2008

Durata: 1h 45m

Produzione: Belgio, Francia, Italia, Germania

Genere: drammatico

Lingua: francese, italiano, albanese e tedesco con sottotitoli in italiano

Sinossi: Una ragazza albanese che abita a Bruxelles ha difficoltà ad uscire dai brutti giri in cui è incappata a causa della sua situazione da migrante.

Revisione: La figura dell’albanese emigrato in occidente e dedito ad attività illecite è un soggetto ricorrente del cinema europeo. Soffermandosi su micro-storie e voci marginali, i fratelli Jean-Pierre e Luc Dardenne inseriscono le dinamiche dei personaggi in un contesto di relazioni sociali e politiche più ampio. Abbiamo incluso nel programma quest’opera perché va oltre i banali discorsi sui “criminali” dell’Est Europa e i loro stereotipici stili di vita, ricostruendo in modo dettagliato lo sfondo urbano e affettivo in cui si intelaiano gli avvenimenti. Le vicende si svolgono a Bruxelles, all’alba del nuovo millennio. Lorna, la protagonista, lavora e allo stesso tempo accudisce Claudy, un giovane eroinomane che ha sposato per ottenere la cittadinanza belga. Entrambe le attività le sono necessarie per portare avanti il suo “onesto” progetto di vita. Questa ambiguità, che è narrata senza paternalismi, sottolinea l’inadeguatezza dell’impianto istituzionale che non è riuscito ad adattarsi al carattere transnazionale del mondo post-Guerra Fredda. La preservazione della burocrazia di confine che un tempo era forse utile per prevenire minacce contro lo Stato, sembra essere tra le principali cause della proliferazione della criminalità organizzata. La critica che i registi rivolgono alla società europea mira a ribaltare il giudizio su persone che normalmente ispirano odio, diffidenza e indifferenza.

 

Vai alla rassegna