Menu

IL MARCHESE DEL GRILLO 40° I quadri di Enrico Appetito

Visite totali 367 , 23 oggi

Data inizio:13/10/2021
Data fine:10/11/2021

Claim Ownership

Categoria evento: Mostre.

Descrizione

IL MARCHESE DEL GRILLO 40° – I quadri di Enrico Appetito
Festa del Cinema di Roma 13 ottobre 10 novembre 2021

Dal lunedì alla domenica ore 10 – 20

Il Marchese del Grillo la commedia in costume diretta da Mario Monicelli con Alberto Sordi, campione di incassi nel 1981, festeggia quest’anno i quarant’anni dalla sua uscita nelle sale.

Il marchese Onofrio del Grillo, nobile romano alla corte di papa Pio VII, vive nell’ozio le sue giornate, frequentando bettole e osterie, intrecciando “liaison” clandestine con popolane e prostitute e organizzando scherzi e goliardate a consanguinei, papi, mendicanti e poveri malcapitati.

Il film premiato al Festival di Berlino ha vinto 4 Nastri d’Argento e 2 David di Donatello.

La mostra propone un viaggio nel film in 60 immagini inedite, attraverso lo sguardo del fotografo di scena Enrico Appetito. ‘I quadri di Appetito’ come li chiamava Sordi, saranno stampati su tela e montati su telaio, l’esposizione comprende Ritratti, Set e Fuori Set presenti negli Spazi Sergio Amidei e Cesare Zavattini della Casa del Cinema dal 13 ottobre al 10 novembre.

Nel Marchese del Grillo, Appetito, coglie perfettamente e amplifica il lavoro del direttore della fotografia Sergio D’Offizi realizzando una raccolta di 10.000 immagini di grande valore figurativo. Fotografa la luce e la usa per dipingere i suoi quadri fotografici.

Tiziana e Claudia Appetito, figlia e nipote di Enrico, hanno scelto per la mostra le scene più rappresentative e i momenti più divertenti del film, quelli che tutti conserviamo nella memoria.

 

I quadri di Enrico Appetito

Dal lunedì alla domenica ore 10 -20

Il Marchese del Grillo la commedia in costume diretta da Mario Monicelli con Alberto Sordi, campione di incassi nel 1981, festeggia quest’anno i quarant’anni dalla sua uscita nelle sale.

Il marchese Onofrio del Grillo, nobile romano alla corte di papa Pio VII, vive nell’ozio le sue giornate, frequentando bettole e osterie, intrecciando “liaison” clandestine con popolane e prostitute e organizzando scherzi e goliardate a consanguinei, papi, mendicanti e poveri malcapitati.

Il film premiato al Festival di Berlino ha vinto 4 Nastri d’Argento e 2 David di Donatello.

La mostra propone un viaggio nel film in 60 immagini inedite, attraverso lo sguardo del fotografo di scena Enrico Appetito. ‘I quadri di Appetito’ come li chiamava Sordi, saranno stampati su tela e montati su telaio, l’esposizione comprende Ritratti, Set e Fuori Set presenti negli Spazi Sergio Amidei e Cesare Zavattini della Casa del Cinema dal 13 ottobre al 10 novembre.

Nel Marchese del Grillo, Appetito, coglie perfettamente e amplifica il lavoro del direttore della fotografia Sergio D’Offizi realizzando una raccolta di 10.000 immagini di grande valore figurativo. Fotografa la luce e la usa per dipingere i suoi quadri fotografici.

Tiziana e Claudia Appetito, figlia e nipote di Enrico, hanno scelto per la mostra le scene più rappresentative e i momenti più divertenti del film, quelli che tutti conserviamo nella memoria.

Mercoledì 13 ottobre, alle 18.00, negli Spazi espositivi Sergio Amidei e Cesare Zavattini si terrà l’inaugurazione della mostra IL MARCHESE DEL GRILLO 40°- I quadri di Enrico Appetito.

Mercoledì 13 ottobre, alle 19, nella sala Kodak verrà presentato il libro S’è svejatooo! Ricciotto racconta «Il marchese del Grillo» con la prefazione di Max Tortora, un reading con le letture del libro di Giorgio Gobbi/Ricciotto che racconterà tutti i preziosi aneddoti e le avventure accadute dentro e fuori dal set del film di Monicelli.

 

Produzione e organizzazione:

Associazione Enrico Appetito per l’Archivio Storico di fotografia di cinema Enrico Appetito
Progetto a cura di:

Tiziana e Claudia Appetito

Con la collaborazione di:

Ministero della Cultura

Regione Lazio

Casa del Cinema – Zetema

Festival Internazionale del Film di Roma

Fondazione Cinema per Roma

Fondazione Musica per Roma

L’Archivio di Fotografia di Cinema Enrico Appetito raccoglie 2.000.000 di scatti da oltre 500 film dagli anni Cinquanta al 2003 e comprende immagini tratte dai film di: Antonioni, Godard, Gorin, Monicelli, Rosi, Lizzani, Tati, Cervi, Leone, Petri, Sordi, Damiani, Sollima, Ferreri, Bertolucci, Castellani, Festa Campanile, Faenza, Gregoretti, Argento, Bava, Scola, Moscati, Montaldo, Vicario, Fondato, Fulci, Citti, Samperi, Del Monte, Fizzarotti, Zampa, Vadim, Mastrocinque, Wertmüller, Calopresti, Minnelli, Giraldi, Magni, Von

racconta «Il marchese del Grillo» con la prefazione di Max Tortora, un reading con le letture del libro di Giorgio Gobbi/Ricciotto che racconterà tutti i preziosi aneddoti e le avventure accadute dentro e fuori dal set del film di Monicelli.

 

Produzione e organizzazione:

Associazione Enrico Appetito per l’Archivio Storico di fotografia di cinema Enrico Appetito
Progetto a cura di:

Tiziana e Claudia Appetito

Con la collaborazione di:

Ministero della Cultura

Regione Lazio

Casa del Cinema – Zetema

Festival Internazionale del Film di Roma

Fondazione Cinema per Roma

Fondazione Musica per Roma

L’Archivio di Fotografia di Cinema Enrico Appetito raccoglie 2.000.000 di scatti da oltre 500 film dagli anni Cinquanta al 2003 e comprende immagini tratte dai film di: Antonioni, Godard, Gorin, Monicelli, Rosi, Lizzani, Tati, Cervi, Leone, Petri, Sordi, Damiani, Sollima, Ferreri, Bertolucci, Castellani, Festa Campanile, Faenza, Gregoretti, Argento, Bava, Scola, Moscati, Montaldo, Vicario, Fondato, Fulci, Citti, Samperi, Del Monte, Fizzarotti, Zampa, Vadim, Mastrocinque, Wertmüller, Calopresti, Minnelli, Giraldi, Magni, Von Trotta, Verdone, Germi, Risi, Brusati, Castellani, Bellocchio, Caprioli, Costa Gavras. Dal 2016 è stato dichiarato Archivio di interesse storico dal MIBACT – Soprintendenza Archivistica del Lazio.

L’archivio negli anni si è arricchito, grazie al lavoro della figlia Tiziana Appetito, del prezioso materiale fotografico di altri due importantissimi fotografi di scena, Mario Tursi e Gianni Caramanico.