Menu

ANNA MAGNANI, UN’ATTRICE POPOLARE in collaborazione con Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca Nazionale

Visite totali 1540 , 11 oggi

Data inizio:02/07/2018
Data fine:03/09/2018

Claim Ownership

Categoria evento: Rassegne. Sezione: ANNA MAGNANI UN’ATTRICE POPOLARE.

Descrizione

ANNA MAGNANI, UN’ATTRICE POPOLARE

In collaborazione con Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca Nazionale

Occhi profondi. Vulcanici. Cerchiati. Capelli neri e scarmigliati. E poi quella voce. Soprattutto quella risata. Ne hanno costituito un’icona unica e irripetibile. Antidiva per eccellenza. Eco sullo schermo del popolo tutto che faticosamente cercava di rimettersi in piedi sulle rovine di un Dopoguerra che, apparentemente, non dava adito a speranza alcuna. Focosa e generosa, istintiva e fragile, proprio come le straordinarie donne interpretate, “Nannarella” ha abbattuto le barriere tra vita e arte, portando sullo schermo la sua verità di popolana che sapeva essere una regina. E come ha scritto giustamente Lietta Tornabuoni: «La sua carriera resta leggendaria, ad Anna Magnani riuscì quanto non era riuscito mai a nessuna. Passare dalle luci del varietà al cinema, dalle commedie brillanti ai personaggi drammatici, dai film alla televisione. Rappresentare, con la sua indimenticabile corsa e morte in Roma città aperta di Rossellini, un’immagine assoluta, un momento alto della Storia nazionale, un’alchimia cinematografica miracolosa e irriproducibile. Raggiungere, in Bellissima di Visconti, una bravura, profondità e sottigliezza di recitazione meravigliose. Venir diretta dai massimi registi, Jean Renoir, Rossellini, Visconti, Pasolini, Castellani, Monicelli; sottrarsi a Fellini, se non per un attimo in Roma, alla fine, quando sul portone del Palazzo Altieri dove abitava si gira a sfottere: “À Federì, và a dormì, và! Nun me fido!”. Passare dall’Italia all’America con autorità, interpretando film magari imbarazzanti però scritti da Tennessee Williams, recitati in coppia con Marlon Brando o Burt Lancaster, diretti da George Cukor o Sidney Lumet». Ecco perché a centodieci anni dalla nascita la Cineteca Nazionale e la Casa del Cinema sono orgogliosi di ricordarla attraverso dieci film che hanno saputo raccontare, proprio attraverso di lei, la Storia d’Italia e non solo.

APPUNTAMENTI